Cane Golden Retriever buttata nella spazzatura perde le zampe ma non la voglia di aiutare gli altri

Cane Golden Retriever buttata nella spazzatura perde le zampe ma non la voglia di aiutare gli altri

Chi Chi sorride sempre. «E’ felice tutti giorni e non smette mai di infondere sorrisi». E guardando il suo dolcissimo muso è difficile credere tutto quello che questa Golden Retriever di tre anni e mezzo ha dovuto attraversare prima di trovare Elizabeth e la sua famiglia umana a Phoenix.

Chi Chi è originaria della Corea del Sud, dov’è stata trovata in una discarica apparentemente morta. «Era stata buttata via come spazzatura. Aveva le zampe legate con uno spago così stretto da essergli entrato nella carne, causandole un’infezione». Ma incredibilmente è stata trovata prima che fosse troppo tardi, e per salvarla hanno dovuto amputarle tutte e quattro le parti terminali delle zampe.

Quando si è svegliata dall’anestesia, già sorrideva. Forse aveva capito che l’incubo era finito e che c’era finalmente qualcuno che si stava prendendo cura di lei. Elizabeth ha visto il video girato proprio poche ore dopo l’intervento chirurgico «e i suoi occhioni mi hanno rubato il cuore»: sentiva che doveva fare qualcosa per lei.

Nel gennaio 2016 Elizabeth ha contattato l’Animal Rescue, Media & Education  che l’ha aiutata a portare Chi Chi dalla Corea del Sud a Los Angeles, e finalmente a Phoenix, dove vive dal marzo dello scorso anno.

«Aveva paura delle persone quando è arrivata da noi. Ovviamente era stata trattata molto male». Ma in pochi mesi il cane si è reso contro di essere al sicuro e ha cominciato a rilassarsi e a fidarsi della sua nuova famiglia, diventando lo splendido cane che è oggi.

Nonostante l’amputazione riusciva a «saltare sul divano, salire e scendere le scale. Quando è determinata a far qualcosa, non si arrende e trova il modo di farlo». E oltre a diventare un cane da pet therapy, Chi Chi ha ottenuto anche quattro protesi che l’aiuteranno nelle sfide di tutti i giorni.

Chi Chi fa visita regolarmente ai pazienti ricoverati in ospedale e in centri riabilitativi, dando tanta speranza a chi come lei si trova ad affrontare un’amputazione e qualsiasi altro problema fisico. Poi va anche nelle scuole, dove i bambini amano accarezzarla e passare il tempo con lei. «Ha un’anima incredibile, è molto più che un animale: è in grado di toccare i cuori di tutti e infondere positività».

Un cane speciale con una storia speciale, per cui è stata avviata anche una raccolta fondi che aiuterà la famiglia a sostenere i costi delle nuove protesi e le cure veterinarie, che superano i 10 mila dollari.

Fonte: Articolo tratto interamente da – lastampa.it

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. + informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi